Al via nuove collaborazioni scientifiche con centri specialistici europei e americani
La Harvard University chiama Firenze.
La scuola medica della celebre università americana e dieci altri centri specialistici dislocati in diversi altri paesi europei, oltre che negli Stati Uniti, hanno proposto ai ricercatori dell’Università di Firenze di collaborare alla definizione di nuovi programmi di screening neonatale. La richiesta è maturata dopo che i test sviluppati dall’Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer e dall’Università di Firenze si sono rivelati più affidabili ed efficaci, oltre che molto più economici, di quelli statunitensi nell’individuare una delle più gravi immunodeficienze congenite, quella da deficit dell’enzima Adenosina Deaminasi.

In particolare un recente studio, cui hanno partecipato ricercatori fiorentini e scienziati  inglesi e tedeschi e statunitensi, ha certificato per la prima volta la capacità del test di identificare tutte le forme cliniche del difetto in fase precoce. “I nostri esperimenti hanno consentito di prevedere malattie dopo solo due giorni di vita anche se queste patologie potranno insorgere nei mesi e intorno ai 7 anni – spiega Giancarlo La Marca, ricercatore del Dipartimento di Farmacologia – mentre i test sviluppati dai colleghi americani si sono rivelati meno attendibili”.

I risultati comparati fra i due metodi sono stati oggetto di una pubblicazione da parte della rivista Journal of Allergy and Clinical Immunology (http://dx.doi.org/10.1016/j.jaci.2012.08.054) e sono valsi un importante riconoscimento internazionale. Il test diagnostico è stato scoperto e brevettato all'Università Firenze da Giancarlo La Marca, Chiara Azzari e Massimo Resti. Consente di identificare una malattia rara, che ha un grave impatto nella vita del bambino e può portare a encefalite, sepsi, poliomielite e altre malattie causa di danni permanenti e irreversibili.

Il difetto metabolico di Adenosina Deaminasi grazie alle terapie enzimatiche sostitutive, a quelle geniche e al trapianto di midollo, è perfettamente curabile: per questo è importantissimo individuarlo, prima che si manifesti con le sue conseguenze. L’incidenza della malattia stimata ad oggi è di 1 su 50mila nuovi nati ma potrebbe essere anche più frequente.

Ecco i centri con i quali l’Università di Firenze avvierà alcune collaborazioni scientifiche:

  1. Genetic Disease Screening Program
    CA Dept Public Health, California, USA
  2. Clinic of Pediatrics and Pathology, Harvard Medical School
    Jeffrey Modell Chair of Pediatric Immunology Research
    Division of Immunology, Children’s Hospital Boston
  3. Zentrum fuer Kinderheilkunde und Jugendmedizin
    Centrum fuer Chronische Immundefizienz - CCI
    Universitaet Freiburg
  4. ARUP Laboratories Compliance Hot Line in Salt Lake City, Utah USA
  5. Div. of Clinical Immunology, Department of Laboratory Medicine
    Karolinska University Hospital Huddinge, SE141-86 Stockholm, Sweden
  6. Jeffrey Modell Diagnostic and Research Center for Primary
    Immunodeficiencies at the Municipal Hospital St. Georg Leipzig
    Leipzig, Germany
  7. Duke University, New York, USA
  8. Metabolic laboratory and newborn screening, Division of Inherited Metabolic Diseases, University Children´s Hospital, Heidelberg, Germany
  9. Molecular Immunology Unit, UCL Institute of Child Health, London
  10. Laboratorio de Metabolopatías, Hospital Clínico Universitario de Santiago
    Santiago de Compostela, SPAIN
  11. Unidade de Rastreio Neonatal, Departamento de Genética
    Instituto Nacional de Saúde Dr Ricardo Jorge
    Rua Alexandre Herculano, Porto, Portugal.

Fonte: Ufficio Stampa Università di Firenze

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente ne accetta la trasmissione sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa Cookies

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (c.d. codice privacy)

Ai sensi dell’art. 13 del Codice Privacy ed in ottemperanza alle prescrizioni del Provvedimento 229/2014 del Garante per la Protezione dei Dati Personali, si informa che il presente sito utilizza le seguenti tipologie di cookie (ossia dei piccoli file di testo che i siti visitati inviano al tuo device, dove vengono poi memorizzati al fine di essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva):

 

Cookie tecnici

Quei cookie strettamente necessari per permettere:

La navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate, "cookie di navigazione o di sessione");

La raccolta di informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso ("cookie analytics");

La navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto, "cookie di funzionalità") al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Tali cookie sono installati direttamente da questo sito e poiché non vengono utilizzati per scopi ulteriori rispetto a quelli funzionali sopra descritti la loro installazione non richiede il tuo consenso.

 

Cookie di profilazione di terze parti
Tali cookie sono installati da soggetti diversi da questo sito e l’installazione degli stessi richiede il tuo consenso; in mancanza gli stessi non saranno installati.

Ti riportiamo quindi di seguito i link alle informative privacy delle terze parti dove potrai esprimere il tuo consenso all’installazione di tali cookie evidenziando che, laddove non effettuassi alcuna scelta e decidessi di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, acconsentirai all’uso di tali cookie.

Google+ - Informativa: http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/types/
Facebook - Informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
YouTube - Informativa: https://www.youtube.com/static?template=privacy_guidelines&gl=IT

 

Gestione dei cookie e configurazione dei browser

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.

Attenzione:
La disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti -> Opzioni -> Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

    Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
    Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
    Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
    Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
    Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

 


Fermo restando quanto precede, informiamo che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices:  http://www.youronlinechoices.com. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. E' possibile pertanto utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.